• Home
  • NEWS
  • Bassi livelli di vitamina D si associano a un maggior rischio di carie

Bassi livelli di vitamina D si associano a un maggior rischio di carie

E ormai noto che la luce del sole svolge una funzione salutare molto importante per il nostro organismo. Oltre ai benefici a livello psico-fisico (contro ansia e depressione), aiuta a prevenire anche altre malattie e infezioni.

Uno degli effetti principali della luce solare resta comunque la stimolazione della produzione di vitamina D, essenziale nello sviluppo e la crescita delle ossa. E naturalmente anche dei denti.

 I dati forniti da uno condotto su un campione rappresentativo di bambini canadesi, conferma l'esistenza di un'associazione tra carie dentali e bassi livelli di vitamina D. I ricercatori che hanno condotto questa ricerca (Schroth RJ, Rabbani R, Loewen G, Moffatt ME. Vitamin D and Dental Caries in Children. J Dent Res. 2016 Feb;95(2):173-9) hanno dunque raccomandato la somministrazione regolare di integratori con vitamina D per ridurre il carico complessivo di carie dentale nei bambini.

La vitamina D ha un ruolo riconosciuto nello sviluppo craniofacciale e nel mantenimento di una buona salute orale. Le evidenze si sono fatte sempre più numerose negli anni: concentrazioni insufficienti di vitamina D sono state correlate di volta in volta con malattia parodontale, perdita di denti e di tessuto osseo nel cavo orale; la vitamina D inoltre influenza anche la formazione di dentina e una sua carenza per lunghi periodi, al pari della malnutrizione, può portare a perdita dello smalto e carie dentale.

Si ritiene quindi che la vitamina D eserciti sulla carie un effetto protettivo attraverso l'induzione di defensine e catelicidine, proteine che sono parte integrante del sistema immunitario innato e sono coinvolte nei meccanismi patogenetici di insorgenza di diverse patologie, specialmente cutanee. Esporsi alla luce solare, soprattutto nella stagione estiva, può quindi avere benefici anche sulla nostra salute orale. Generalmente, in condizioni di buona salute, un' alimentazione corretta e un'esposizione alla luce solare di circa 15 minuti al giorno garantiscono un buon livello di vitamina D. Durante l'inverno quando l'esposizione al sole si riduce può essere utile l'assunzione di integratori sotto consiglio del proprio medico.